Crea sito

Saadi Gheddafi: guiderò la rivolta

 

 

   BBC

 

 

 

Uno dei figli del defunto leader libico Muammar Gheddafi ha minacciato di condurre un’insurrezione contro il governo di transizione del paese.

Saadi Gheddafi ha rilasciato la dichiarazione in un’intervista televisiva in Niger, dove è fuggito dopo che è stato deposto il padre.

Ha affermato che in Libia ha ancora molti seguaci, anche all’interno del Consiglio Nazionale di Transizione (CNT) ora al potere. Il colonnello Gheddafi, al potere il Libia per quattro decenni, fu ucciso lo scorso ottobre dopo mesi di conflitto.

Saadi Gheddafi

Un inviato della BBC a Tripoli dice che le autorità sono preoccupate di un possibile intervento dei lealisti di Gheddafi, anche se le possibilità che Saadi possa condurre una grande insurrezione sembrano remote.

In un’intervista telefonica con la televisione Al-Arabiya, Saadi Gheddafi ha detto di voler ritornare in Libia “da un momento all’altro.”

“Prima di tutto, non sarà un’insurrezione ristretta ad alcune zone. Riguarderà tutte le regioni della Jamahiriya, questa rivolta è già in corso, la sto seguendo e sto vedendo come aumenta di giorno in giorno,” ha affermato usando la parola utilizzata da suo padre per chiamare la Libia.

Ha detto di essere rimasto costantemente in contatto con l’esercito, uomini armati, funzionari del CNT e altri componenti della famiglia Gheddafi.

Cynthia Vanier

Nel mese di agosto, dopo che le forze del CNT avevano occupato la capitale Tripoli, Saadi Gheddafi era fuggito oltre il confine. A dicembre, le autorità del Messico avevano dichiarato di aver mandato a monte un piano di un’organizzazione di gruppi criminali per fare entrare illegalmente nel paese Saadi Gheddafi.

Una donna canadese, dipendente della società di ingegneria SNC-Lavalin, è in carcere in Messico in attesa di processo con l’accusa di tratta di esseri umani. Nel giugno 2011 Cynthia Vanier era stata inizialmente assunta per un “mandato di indagine.”

Venerdì scorso, la SNC-Lavalin ha annunciato l’allontanamento di due dirigenti legati al caso. Con il colonnello Gheddafi al potere, la società si era aggiudicata in Libia nel corso di diversi anni appalti per centinaia di milioni di dollari, tra cui quello per la costruzione del nuovo aeroporto di Bengasi.

Fonte: BBC  11.02.2012

Traduzione di Gabriele Picelli per http://www.times.altervista.org/

Articoli collegati:      NATO accusata di crimini di guerra in Libia

                                          Russia: subito indagine sulla NATO in Libia

                                          Saif Gheddafi: la Corte rimanda

Lascia un Commento

You must be logged in to post a comment.